La fame emozionale

La fame emozionale

La fame emozionale

Ha diversi nomi: fame nervosa, fame da stress o fame psicologica. Qualunque sia la sua definizione ha come base l’ansia.
I motivi possono essere molti: preoccupazioni, insoddisfazione, solitudine, noia, rabbia.
Le situazioni di disagio possono generare attacchi di fame che possono durare pochi minuti o, in alcuni casi, ore.

Ci sono persone che, avendo smesso di fumare, sono soggette a fame emozionale. Così facendo, riducono l’ansia dovuta alla deprivazione del fumo.
Ci sono persone che, quando provano ansia entrano in un bar e mangiano rapidamente due panini o due brioches sentendosi meglio subito dopo.
In questi casi si è appreso a utilizzare il cibo come ansiolitico.
Si viene a creare un circolo vizioso che tende a mantenersi: Ansia => Fame => Cibo=> Riduzione dell’ansia

Il collegamento tra l’assunzione di cibo e le emozioni non è sempre sintomo di gravi problemi psicologici o di conflitti profondi.
La stessa noia, infatti, che spesso accompagna la quotidianità, può essere uno stimolo per assumere cibo in modo eccessivo, al di là di ogni autocontrollo, e quindi finisce per acquisire
un carattere compulsivo.

Quando ci alimentiamo in risposta alla fame psicologica, è come se non riuscissimo a distinguere i segnali che ci sono utili per la sopravvivenza da quelli che non lo sono. Quando questo si verifica è opportuno imparare a modificare i nostri comportamenti e le nostre abitudini alimentari, così da rieducare il nostro organismo a distinguere tra fame fisiologica e fame
psicologica.

Quando ci proponiamo di non dar peso alla fame psicologica, o di soddisfarla introducendo semplicemente acqua dolcificata con un dolcificante artificiale oppure delle fibre, può verificarsi, nei primi tempi, qualche difficoltà: in particolare possiamo avvertire dei segnali di “allarme”, perché il nostro organismo interpreta la riduzione del cibo come se fosse una minaccia reale per la sua sopravvivenza.

In realtà dobbiamo diventare consapevoli che solo quando non si soddisfa la fame fisiologica si possono avere conseguenze negative.
Per ridurre la fame emotiva, quella che scatena il bisogno di “alimenti-coccola”, o comfort food, occorre conoscerla meglio e acquisire consapevolezza dei propri modelli di consumo alimentare. Anche se è possibile che la fame emotiva si verifichi all’interno di un pasto regolare, è molto più probabile che riguardi altri momenti della giornata. L’obiettivo è quindi riuscire a individuare il legame tra le emozioni ed il cibo, e spezzarlo.

Fame fisiologica

Un pilastro portante del programma di autocontrollo del peso è dunque la
capacità di distinguere la natura della fame fin dal suo insorgere, cioè prima di
iniziare a mangiare.

Questa capacità di discriminazione è essenziale per evitare
che la fame emozionale prenda il sopravvento.
Si tratta di mettere in atto una vera e propria rieducazione del nostro organismo che ci porta a rispondere con un pasto o uno spuntino adeguato solo quando siamo in preda della fame
fisiologica e a resistere alla fame psicologica o a farvi fronte in modi che non
comportano introiti calorici.

Dobbiamo poi riconoscere il ruolo tentatore della fame emozionale anche all’atto dell’acquisto, della preparazione e della conservazione del cibo.

Abbiamo più volte rafforzato l’idea che la capacità di discriminazione è fondamentale per evitare che la fame emozionale prenda il sopravvento. Ma quali sono i segnali che ci permettono di effettuare tale discriminazione?

1. La fame fisiologica nasce piano e aumenta gradualmente, la fame emotiva scoppia all’improvviso con un’elevata intensità.
2. La fame fisiologica è più sopportabile della fame emotiva che richiede invece un’immediata soddisfazione con il cibo.
3. La fame fisiologica è un bisogno concreto del corpo, che una volta soddisfatta la necessità, interrompe lo stimolo e comunica sazietà.
La fame emotiva invece è più difficile da calmare, perché deriva da un bisogno psicologico e il suo impulso continua fino all’esaurimento della fonte di natura emotiva che l’ha scatenata.

Esercizio:

1. Chiudi gli occhi e immagina te stesso mentre stai mangiando qualcosa in preda alla fame emozionale. Vediti attraverso i tuoi occhi in quella classica situazione, osserva la tua mano che apre il frigorifero o la dispensa, prende qualcosa e inizia ad avvicinarla alla bocca, (immagine A).
2. Crea un’altra immagine, in cui vedi te stesso mentre vivi nel benessere, sei in forma e completamente padrone delle tue emozioni.
Focalizza la parte del tuo fisico che più ti piace, analizzane i dettagli. Usa tutti i sensi: ascolta quello che ti dici quando sei in forma, gusta la sensazione di benessere totale.
Vediti al meglio di te stesso, (immagine B).

3. Ora prendi l’immagine A e proiettala al centro del tuo schermo mentale, grande. Prendi poi l’immagine B e comprimila fino a farla diventare un piccolo quadratino quasi invisibile nell’angolo in basso a destra dell’immagine A.

4. Adesso immagina che il quadratino B, pieno di energia compressa e pronta a esplodere, si allarghi velocissimo fino a coprire e distruggere completamente l’immagine A, sostituendola nello schermo della tua mente.

5. Ripeti i punti 3 e 4 dell’esercizio sempre più velocemente per dieci volte e nota come cambiano via via le tue sensazioni.

Se vuoi sapere di più…

C'è 1 comment

Add yours